• Facebook
  • Twitter
  • Plus
tantarobanews

Calcio

Roma, stagione finita per Strootman

"Kevin Strootman in mattinata ha effettuato una risonanza magnetica e una visita specialistica ortopedica dal Professor Giuliano Cerulli, che hanno evidenziato una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro con possibile interessamento meniscale". Questa la diagnosi dell'infortunio di Kevin Strootman, vittima di una distorsione al ginocchio in occasione del posticipo serale di domenica contro il Napoli al San Paolo.

Si parla dai 6 ai 9 mesi di stop.

Per l'olandese, che sicuramente salterà anche il Mondiale in Brasile, stagione finita.

Nei prossimi giorni, il giocatore sarà sottoposto ad intervento chirurgico.

Italia, dove l'ingiustizia è di casa

Nessuna squalifica del Giudice Sportivo, Gianpaolo Tosel, nei confronti dei sostenitori della Juventus, che, in occasione del derby contro il Torino di domenica scorsa, hanno esposto striscioni insultanti la memoria della tragedia di Superga.

Così recita il comunicato:

"Ammenda di € 25.000,00 : alla Soc. JUVENTUS per avere suoi sostenitori esposto due striscioni insultanti la memoria della tragedia di Superga".

Ora il Giudice Sportivo e tutti i ben pensanti del mondo calcio (e non solo) devono spiegarmi una cosa: per cori "contro" Napoli, vengono chiuse le curve, per questi striscioni VERGOGNOSI, invece, solo 25mila euro di multa. Questa sarebbe giustizia?

Che poi devo ancora capire perché non si possa dire "Napoli colera" e invece si possa dire tranquillamente "Milano in fiamme", "Roma ladrona", ecc. Ma vabbè, non voglio divagare ora.

Il messaggio che passa con questa "sentenza" è davvero assurdo e agghiacciante. Cori che ci sono sempre stati nel calcio e che non hanno proprio nulla di discriminatorio vengono puniti con interi settori chiusi e con ammende, che vanno dai 50mila agli 80mila euro. Striscioni con scritto "Quando volo, penso al Toro" oppure "Solo uno schianto" con tanto di disegnino che raffigura un aereo sbattere contro una montagna, invece, vengono puniti con solo 25mila euro di multa (ammenda addirittura inferiore a quella che viene inflitta per i cori).

La memoria della tragedia di Superga, che ha causato più di 30 vittime e ha distrutto più di 30 famiglie, può essere infangata tanto facilmente e senza conseguenze. Il pugno duro, invece, viene usato solo in determinate occasioni.

Sinceramente mi sfugge il senso di tutto questo. Com'è possibile una cosa del genere?

Che poi il problema non sono solo i tifosi della Juventus e non riguarda solo loro. Se pensiamo all'Heysel, a Vincenzo Paparelli, all'Olocausto. Questo è un problema che riguarda tutta l'Italia, da nord a sud. La verità è che manca la CULTURA.

Bisogna rispettare la vita e, ancora di più, la morte.

Chi non rispetta i morti, non merita di vivere. Almeno, io la penso così.

Euro 2016, può sorridere l'Italia

Sono stati sorteggiati a Nizza i gironi di qualificazione agli Europei del 2016, che si svolgeranno in Francia.

Roma, chiusi anche i Distinti Sud

"Il Giudice sportivo delibera di sanzionare la soc. Roma con l'obbligo di disputare una gara con il settore denominato "Distinti Sud" privo di spettatori". Questa la decisione di Gianpaolo Tosel dopo i cori discriminatori contro Napoli intonati dai tifosi giallorossi nel corso del posticipo serale della 24ª giornata Roma-Sampdoria.

La Roma, quindi, disputerà la gara casalinga contro l'Inter (2 marzo) con la Curva Sud, la Curva Nord e i Distinti Sud senza spettatori.

Inoltre, la società giallorossa dovrà pagare un'ammenda di € 80.000,00.

Di seguito vi proponiamo il comunicato ufficiale:

Il Giudice sportivo,
letta la relazione dei collaboratori della Procura federale in cui, tra l'altro, si riferisce che i sostenitori della soc. Roma, collocati nel settore denominato "Distinti Sud", in tre occasioni (prima dell'ingresso delle squadre nel recinto di giuoco, al fischio d'inizio ed al 43° del primo tempo, in occasione della realizzazione di una rete) intonavano il coro "oh Vesuvio, oh Vesuvio lavali con il fuoco";
ritenuto che tale comportamento integra inequivocabilmente gli estremi di una manifestazione denigratoria per motivi di origine territoriale ex art. 11, nn. 1 e 3 CGS;
valutata, ai fini della rilevanza disciplinare ex art. 11 n. 3 CGS, "la dimensione" di tale condotta che ha coinvolto il 90% dei circa 6.000 spettatori che occupavano il settore in precedenza indicato (con il contestuale applauso, nella prima delle circostanze segnalate, proveniente dagli altri settori dello stadio) e la sua "percezione reale", come puntualizzato dai collaboratori della Procura federale, che si erano collocati nella zona centrale del campo ed in prossimità dei settori denominati "Distinti Sud" e " Distinti Nord";
considerata la specifica recidività, delibera di sanzionare la soc. Roma con l'ammenda di € 80.000,00 e con l'obbligo di disputare
una gara con il settore denominato "Distinti Sud" privo di spettatori ex art. 18 lett. e) CGS.

Roma, curve chiuse per due turni

"Il Giudice sportivo Delibera di sanzionare la soc. Roma con l'obbligo di disputare una gara con i settori denominati 'Curva Sud' e 'Curva Nord' privi di spettatori, disponendo la revoca della sospensione della sanzione disposta con provvedimento del 21 ottobre 2013". Questa la decisione di Gianpaolo Tosel dopo i cori discriminatori contro Napoli nella semifinale di Coppa Italia di mercoledì sera.

La Roma, quindi, disputerà le gare casalinghe contro Sampdoria (16 febbraio) e Inter (2 marzo) con la Curva Sud e la Curva Nord prive di spettatori.

Inoltre, la società giallorossa dovrà pagare un'ammenda di € 50.000,00.

Di seguito il comunicato ufficiale:

Il Giudice sportivo,

letta la relazione dei collaboratori della Procura federale in ordine alla gara soc. Roma – soc. Napoli del 5 febbraio 2014 (Tim Cup) nella quale, tra l'altro, si riferisce che "durante il controllo gara i tre rappresentanti della Procura si disponevano come segue: uno al centro del campo in posizione intermedia tra le panchine, uno verso l'angolo tra Curva Sud e Monte Mario e l'altro fra Curva Nord e Monte Mario. Tutti e tre i rappresentanti percepivano in modo chiaro e forte il coro – lavali lavali lavali col fuoco o Vesuvio lavali col fuoco – intonato dai tifosi romanisti della Curva Sud intera al 15° del primo tempo e al 46° del secondo tempo. Analogo coro proveniente dalla Curva Nord, al 2° del primo tempo veniva percepito chiaramente dai due rappresentanti situati verso la Curva Nord e al centro del campo. Tale coro era intonato da una parte dei tifosi che occupava la fascia di curva più prossima al settore ospiti, pari a circa 1/5 del totale. Identico coro intonato al 30° del secondo tempo veniva percepito dal rappresentante più vicino alla Curva Sud e interessava l'intera curva. Si precisa che la Curva Sud che ha una capienza di circa 8.000 spettatori era completamente piena, mentre la Curva Nord di analoga capienza era piena per circa 2/3.";

ritenuto che la condotta dei sostenitori della soc. Roma, in tal modo dettagliatamente descritta, integra inequivocabilmente gli estremi del "comportamento discriminatorio per motivi di origine territoriale", rilevante ai fini sanzionatori (art. 11, nn. 1 e 3 CGS) per la sua "dimensione", coinvolgente una rilevante parte degli spettatori occupanti i settori denominati Curva Nord e Curva Sud, e per la sua "percettibilità reale", puntualizzata dai collaboratori della Procura federale;

considerato che di tale comportamento dei propri sostenitori la soc. Roma deve rispondere a titolo di responsabilità oggettiva nella misura indicata dal citato art. 11 n. 3 CGS, che appare equo quantificare nel minimo edittale (art. 18, n. 1 lettera e), in considerazione della concreta e continuativa collaborazione fornita alle Forze dell'Ordine nella prevenzione delle manifestazioni di violenza e di discriminazione;

rilevato che la soc. Roma è già incorsa nella medesima violazione (gara Roma-Napoli del 18 ottobre 2013 – CU 63 del 21 ottobre 2013), in merito alla quale l'esecuzione della consequenziale sanzione era stata sospesa ex art. 16 2bis CGS;

Delibera di sanzionare la soc. Roma con l'ammenda di € 50.000,00 e con l'obbligo di disputare una gara con i settori denominati "Curva Sud e Curva Nord" privi di spettatori, disponendo la revoca della sospensione della sanzione disposta con provvedimento del 21 ottobre 2013 (CU63).

Le pagelle del mercato di casa nostra

Juventus voto: 7

Operazione semplice da intavolare per Osvaldo, dato i difficili rapporti che l'attaccante Italiano aveva con il Southampton. Marotta opta per una forma intelligente, prendendo la punta in prestito con diritto di riscatto. Tatticamente rappresenta l'alternativa funzionale per far rifiatare nel momento giusto Llorente. Il limite del mercato bianconero è stato il mancato piazzamento di attaccanti superflui , ma sicuramente ha inciso la volontà dei singoli giocatori. A mercato chiuso, il bottino di guerra è comunque un successo.

Inter voto: 7

La finestra del mercato Interista è iniziata in modo molto confusionale. La trattativa combinata con la Juve per lo scambio Guarin-Vucinic ha fatto imbufalire i tifosi nerazzurri, costringendo i dirigenti a bloccare il tutto. Il risultato è stato una brutta figura a livello mediatico. La scintilla ha scosso in qualche modo anche lo stesso presidente interista, costringendolo a mettere le mani nella propria tasca, tirando fuori soldi da mettere nel piatto. Con il suo contributo la squadra si vede rinforzata con D'ambrosio, terzino molto utile per le idee tattiche di Mazzarri, ed Hernanes ,che conferisce in maniera molto evidente più qualità al centrocampo dell'Inter, qualità mai come ora necessaria per poter andare avanti.

Milan voto: 7

Ancora una volta il mercato rossonero gira senza soldi, cercando di accontentare le proposte che Clarence Seedorf ha presentato per la sua nuova filosofia di gioco. Dal CSKA arriva Honda, giocatore molto utile tecnicamente, ma anche a livello di Marketing perché permetterà di avere diversi indennizzi a livello economico nelle casse societarie. Il reparto difensivo viene rinforzato con Rami e il centrocampo si impreziosisce di una pedina importante come Essien, giocatore dalla grande esperienza tecnica e ottimo da sfruttare nelle coppe Europee. Infine arriva Taraabt, potenziale campione dalle qualità ancora tutte da scoprire, ma Galliani ha regalato sempre nuovi nomi da conoscere e nel mercato, a volte, si deve anche inventare.

Roma voto: 8

La squadra che fino a questo momento ha fatto vedere il miglior calcio in campionato, rinforza la rosa con altri centrocampisti, agendo in modo mirato e coerente alle idee tattiche dell'allenatore. Nainggolan, conteso da tutta Italia, e Michel Bastos, altro ex pallino di molti club europei, vestiranno la maglia giallorossa. Dopo alcuni anni alla ricerca del progetto da inseguire, la società ha trovato la giusta forma e le giuste idee per puntare in alto.

Sassuolo voto: 7,5

La vera protagonista e sorpresa di questo mercato è stato sicuramente il Sassuolo, undici nuovi acquisti per rivoluzionare una squadra che vuole salvarsi a tutti i costi. La prima scelta importante è stata quella di cambiare la direzione tecnica gestita adesso da Malesani, subentrato a Di Francesco. Da Cannavaro a Floccari tanti nuovi innesti per poter continuare a credere nella salvezza.

Lazio voto: 6
Una piazza molto calda, pronta nuovamente a contestare le scelte societarie sul mercato. La Lazio perde Hernanes , giocatore importante, ma con un buon ricavo che non è stato usato per trovare poi un immediato sostituto. Il nome nuovo per la l'ambiente è Hèlder Postiga , attaccante portoghese di buona esperienza , che ha militato tra Spagna e Portogallo. In coppia con Klose potrebbe essere un'invenzione da non sottovalutare.

Napoli voto : 6,5
Due volti nuovi per provare a rinforzare la difesa di Benitez. Non ha avuto successo l'affondo per il centrocampista del Tottenham Capoue, nonostante l'aiuto del Presidente partenopeo per provare a sbloccare la trattativa. Si conclude senza nomi di prestigio la campagna acquisti, ma Henrique e Ghoulam possono rappresentare pedine importanti in vista degli impegni di Europa League, dove il Napoli vuole essere ancora protagonista.

HomeCalcio Top of Page

Articoli più letti

PILLOLE TRN ON AIR