• Facebook
  • Twitter
  • Plus
tantarobanews
Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 66

Basket

EuroBasket 2013, la Grecia è fuori. Per la Slovenia un ko ininfluente

La Grecia perde ed è incredibilmente fuori dagli Europei. Pochi si sarebbero aspettati una debacle del genere da parte della Nazionale guidata da Andrea Trinchieri, che visto il potenziale, poteva tranquillamente giocarsi il primo posto o almeno arrivare tra le prime tre. Ci ha pensato la terrificante Croazia di Jasmin Repesa a buttare fuori gli ellenici, in una partita rocambolesca finita dopo due tempi supplementari. Partita tendenzialmente equilibrata per tutti i 40', tant'è che il massimo vantaggio è stato di +6 per i croati nel terzo quarto. Nei supplementari risultano decisivi Tomic e Bogdanovic per la Croazia. Il primo alla fine realizza 15 punti a cui aggiunge anche 12 rimbalzi. Il secondo ne mette 22 a referto, 13 dei quali nel secondo overtime, stendendo una volta per tutte la Grecia, priva del suo giocatore migliore Spanoulis uscito per 5 falli all'inizio del primo supplementare. Nella Grecia i migliori risultano Bourousis (21 punti e9 rimbalzi), Spanoulis (18 punti) e Kaimakoglou (14 punti). Zisis bene nel finale di gara (14 punti anche se con un pessimo 3/13 dal campo, ma autore della tripla che vale l'overtime per i suoi).

Nell'altro match del girone la Slovenia perde contro la Finlandia per 92-76, abbastanza a sorpresa. I finlandesi sfruttano il vistoso calo di tensione sloveno e portano a casa la prima vittoria della seconda fase chiudendo in bellezza il loro Europeo. Risultato ininfluente per la classifica visto che la Slovenia era già qualificata e la Finlandia già eliminata. Tra gli scandinavi sugli scudi Lee (17 punti), Salin e Koivisto (entrambi con 16 punti) e Koponen (14 punti). Nella Slovenia si salvano Balazic (14 punti) e Nachbar (15 punti).

Classifica finale e risultati dell'ultima giornata del girone F:

Croazia – Grecia 92-88 d2ts
Italia – Spagna 86-81 d1ts
Finlandia – Slovenia 92-76

Classifica:
CROAZIA 9
SLOVENIA 8
ITALIA 8
SPAGNA 7
Finlandia 7
Grecia 6

In MAIUSCOLO le qualificate ai quarti di finale

Nella foto: Bojan Bogdanovic al tiro con la maglia della Croazia. Credits: euroleague.net

EuroBasket 2013, impresa dell'Italia contro la Spagna! Ai quarti sarà Lituania-Italia

Grande prestazione degli azzurri che contro ogni pronostico battono i Campioni d'Europa della Spagna. E' vero che il risultato della gara era ininfluente ai fini della qualificazione ma pur sempre di una grande vittoria si tratta e visto l'avversario è un successo mica da ridere. Vittoria che regala il terzo posto agli azzurri, che adesso se la vedranno ai quarti di finale contro la Lituania. Nella partita di stasera l'Italia ha dimostrato cuore, caparbietà e un gran carattere dopo le ultime due sconfitte, che avevano fatto storcere il naso a qualcuno nel nostro Belpaese, senza considerare il grande Europeo fatto dalla squadra di Pianigiani, che alla vigilia secondo molto addetti ai lavori poteva a malapena passare il primo girone. Ma che ci vuoi fare in Italia siamo fatti così; quando vinci va tutto bene quando cominci a perdere (nonostante la buona prestazione) sei la squadra peggiore del mondo. E invece? E invece siamo qui a commentare una vittoria importante che fa più che classifica morale, dopo le ultime due sconfitte contro Slovenia e Croazia. Una vittoria che adesso ci proietta alla sfida di giovedì sera contro la Lituania (ore 21 Raisport 1) una squadra tosta, forte fisicamente, ma contro la quale potremo e dovremo sfruttare le nostra atipicità e rapidità in fase offensiva. Un match dove dobbiamo scendere in campo come abbiamo sempre fatto in questi Europei, senza paura e con la consapevolezza di poter far male a chiunque. Alla fine sono più loro che hanno da perdere rispetto a noi. Per quanto riguarda il match contro la Spagna il migliore tra gli azzurri è stato sicuramente Alessandro Gentile (25 punti con 11/11 ai liberi e 7 rimbalzi). Bene anche Aradori (17 punti e 3 assist), Belinelli (16 punti anche se con un brutto 2/8 da 3) e Datome (11 punti) ma autore del canestro che manda all'ultimo secondo l'Italia all'overtime. Bene anche Cinciarini (8 punti praticamente quando cotnava nel finale) e Cusin (4 punti ma ben 11 rimbalzi). Nella Spagna devastante Marc Gasol (32 punti e 10 rimbalzi). Bene anche Sergio Rodriguez (18 punti e 6 assist). Male Calderon (5 punti e un brutto 2/10 dal campo), così come Fernandez (4 punti e 2/8 dal campo).

La partita. L'Italia come al solito parte forte, volando subito a +8 (13-5), grazie a Datome e Belinelli. Gli azzurri sembrano in serata e allungano anche a +12 (22-10) a poco più di 1' dal termine del primo quarto, grazie ad una tripla di Vitali. La Spagna invece fatica in attacco a fare canestro e in difesa a contenere gli azzurri. I primi dieci minuti si concludono sul 24-12 per l'Italia.
Nel secondo quarto gli spagnoli si svegliano e risalgono a -3 in poco meno di tre minuti, costringendo Pianigiani al timeout. La partita diventa equilibrata e avvincente, visto che le due squadre non hanno la pressione di dover fare risultato a tutti i costi e se la giocano a viso aperto. Tra sorpassi e controsorpassi si va al riposo lungo sul 37-37. Grande quarto di Marc Gasol e di Sergio Rodriguez. Il primo ne mette 9 a referto mentre l'esterno 8.
Nel terzo quarto dopo un primo equilibrio iniziale la Spagna prima va a +3 (43-46) poi allunga a +5 (43-48). L'Italia continua a faticare in attacco a causa della zona degli spagnoli, che mette la squadra di Pianigiani in seria difficoltà. Dall'altra parte invece gli iberici, ancora grazie ad un immarcabile Gasol, volano a +8 (43-51 al 28'). Il terzo quarto si chiude con la Spagna avanti di 11 (45-56).
Nell'ultimo quarto la partita sembra non poter cambiare padrone con la Spagna che gestisce e tiene il vantaggio accumulato nel quarto precedente (53-66 al 35'). Gli azzurri però in qualche modo reagiscono grazie ad Aradori e Cinciarini arrivano a -4 (62-66) a poco più di 2' dal termine del match. Belinelli in penetrazione firma il -2 (66-68), Rodriguez riallunga a +4, ma nuovamente Gentile riaccorcia (68-70 a 21'' dalla fine). E' un finale emozionante. Clamorosamente Sergio Rodriguez fa 0/2 ai liberi. Mancano 20 secondi con Belinelli che sbaglia il tiro del 70-70. La palla resta in mano all'Italia che con Datome segna sulla sirena il pareggio che vale il supplementare.
Nell'overtime Belinelli si carica sulle spalle i suoi e firma in apertura il +2. Risponde Gasol che con due liberi impatta sul 72-72. L'Italia è in fiducia, forte del canestro che sul finale le ha regalato un'overtime insperato ad inizio del quarto periodo. Gli azzurri firmano così un parziale di 8-0, grazie a Gentile, Cinciarini e Aradori, che stende i Campioni d'Europa, che ci provano con Llull arrivando anche a -3 (80-77), ma l'Italia riesce dalla lunetta, con (Datome e Gentile) a chiudere il match e a portare a casa un risultato strepitoso e cui nessuno credeva alla vigilia.

Tabellini

Italia – Spagna 86-81 d1ts (24-12, 13-25, 8-19, 25-14, 16-11)
Italia: Aradori 17, Gentile 25, Rosselli, Vitali 3, Poeta, Melli 2, Belinelli 16, Diener, Cusin 4, Datome 11, Magro ne, Cinciarini 8. CT Pianigiani

Spagna: Aguilar ne, Fernandez 4, Rodriguez 18, Rey 2, Calderon 5, Rubio 2, Mumbru 4, Claver 5, San Emeterio 4, Llull 5, Gasol M. 32, Gabriel ne. CT Orenga

Arbitri: Lottermoser (Germania), Rocha (Portogallo), Mogulkoc (Turchia)

Statistiche: dal campo: 30/67 Italia, 32/77 Spagna; da 2: 24/41 Italia, 27/52 Spagna; da 3: 6/26 Italia, 5/25 Spagna; tiri liberi: 20/26 Italia, 12/20 Spagna. Rimbalzi: 48 Italia, 38 Spagna. Assist: 9 Italia, 12 Spagna. Falli commessi: 25 Italia, 24 Spagna. Palle perse: 17 Italia, 9 Spagna. Palle recuperate: 3 Italia, 7 Spagna.

Usciti per 5 falli: Belinelli (Italia) e Cusin (Italia)

Spettatori: 4310

Classifica finale e risultati dell'ultima giornata del girone F:

Croazia – Grecia 92-88 d2ts

Italia – Spagna 86-81 d1ts

Finlandia – Slovenia 92-76

Classifica:

CROAZIA 9
SLOVENIA 8
ITALIA 8
SPAGNA 7
Finlandia 7
Grecia 6

In MAIUSCOLO le qualificate ai quarti di finale

Nella foto: Alessandro Gentile in azione contro la Turchia. Credits: olimpiaazzurra.com

EuroBasket 2013, la Lettonia perde e l'Ucraina si qualifica ai quarti

Ultima giornata del girone E, vediamo cosa è successo.

Nel primo pomeriggio la Lettonia perde clamorosamente contro il Belgio (già eliminato) e saluta i il torneo. Sconfitta a sorpresa dei lettoni a cui bastava battere i belgi per accedere ai quarti. Partita brutta dal punteggio basso (finisce 60-56 per il Belgio) ma equilibrata. Nell'ultimo quarto il primo break belga con un 9-0 che spedisce i baltici a -9 (46-55). La Lettonia reagisce arrivando prima a 2 (53-55) e poi a -1 (56-57). Dopo ha anche l'occasione per tornare avanti, ma fallisce più volte il tiro del possibile vantaggio. Il Belgio invece no e con Massot firma il +3 a 8'' dalla fine che vale il match. Nella Lettonia il migliore è Freimainis (10 punti e 11 rimbalzi) ed unico ad andare in doppia cifra. Nel Belgio decisivi Massot (14 punti) e Mukubu (13 punti).

In serata gli altri due match. Nel primo tra Ucraina e Lituania la spuntano i baltici per 70-63. Partita equilibrata con i lituani anche a +9 nel secondo quarto ma incapaci di sferrare l'affondo decisivo. L'Ucraina riesce così a rientrare andando al riposo lungo sotto solo di 2 (30-32). Nell'ultimo quarto nuovo allungo lituano (55-62) firmato Maciulis, Kleiza e Darius Lavrinovic, ma la Nazionale guidata da Mike Fratello riesce comunque a rientrare fino al -2 (60-62). Nel finale Kleiza con 4 punti di fila (prima una tripla poi un libero) porta i suoi a +5, permettendo così alla Lituania di vincere e di prendersi il secondo posto del girone. Kleiza (15 punti) e Motiejunas (10 punti) i migliori tra i baltici, mentre nell'Ucraina bene Gladyr (18 punti).

Nel match delle 21 tra Francia e Serbia vincono gli slavi per 77-65. Primi due quarti equilibrati, mentre è nel terzo che la Serbia fa il primo vero allungo portandosi prima a +11 (48-37) al 24' e poi a +12 (50-38). La Francia riesce a dimezzare più volte lo svantaggio però senza poi riuscire ad impattare nel risultato. Nell'ultimo quarto il parziale decisivo al 33' che spedisce i transalpini a -13. Da lì la Serbia controlla senza problemi e porta a casa il risultato, ma soprattutto la vetta del girone. Krstic e Nedovic fanno la differenza tra i serbi. Il primo con 19 punti e il secondo con 17 punti. Nella Francia ben 4 uomini a 12 punti (De Colo, Batum, Diaw e Ajinca). Male Parker (10 punti ma 4/12 al tiro).

Risultati e classifica girone E:

Lettonia – Belgio 56-60
Ucraina – Lituania 63-70
Serbia – Francia 77-65

Classifica: SERBIA e LITUANIA 9, FRANCIA 8, UCRAINA 7, Lettonia e Belgio 6.
In MAIUSCOLO le qualificate ai quarti di finale

Nella foto: Nenad Krstic ala/pivot della Serbia e del CSKA Mosca. Credits: eurobasket2013.org

EuroBasket 2013: Finlandia e Grecia ko e l'Italia passa ai quarti

Ciò in cui dovevamo sperare è effettivamente avvenuto. Siamo qualificati matematicamente ai quarti di finale in virtù dei risultati nelle altre partite del girone F. A questo punto il risultato di domani pomeriggio (ore 17.45 Raisport 1) nell'ultimo match della seconda fase contro la Spagna è inutile ai fini della qualificazione, almeno per gli azzurri.
Decisive le vittorie della Spagna contro la Finlandia e della Slovenia contro la Grecia.

Nel match tra scandinavi ed iberici la spuntano quest'ultimi per 82-56. Partita senza storia con gli spagnoli che controllano e si gestiscono per 40'. Troppo forte questa Spagna per una Finlandia che comunque, nonostante l'eliminazione il suo Europeo l'ha fatto passando alla seconda fase come seconda del girone davanti alla strafavorita Grecia e dietro solo all'Italia di Pianigiani. Nella Spagna grande prestazione di Calderon (23 punti e 5 assist). Nella Finlandia il migliore è l'ex Virtus Bologna Koponen (17 punti e 4 assist).
Adesso la Spagna per passare deve battere l'Italia domani o in caso di sconfitta sperare che la Grecia perda contro la Croazia.

Nel match delle 21 tra Slovenia e Grecia vincono i padroni di casa per 73-65. Come contro l'Italia anche contro gli ellenici gli oltre 10000 della Stozice Arena spingono gli sloveni per tutta la gara risultando un fattore importante a favore dei padroni di casa. Partita complessivamente equilibrata comunque, nonostante nei primi 20 minuti la Slovenia la faccia da padrona chiudendo avanti di 16 alla pausa lunga (43-27), grazie ancora ad un Goran Dragic devastante. La Grecia, strigliata da Trinchieri negli spogliatoi reagisce solo dopo essere andata sotto di oltre venti punti nel terzo quarto. I greci piazzano un parziale di 21-4 e tornano a -9 (55-64 al 26'). La Grecia prende sempre più coraggio e arriva anche a -6 (62-68 al 38'). Si fatica a segnare, ma chi la sblocca è sempre lui, Goran Dragic, vero trascinatore dei padroni di casa, che firma il +8 a 41'' dalla fine e chiude definitivamente i conti. Grecia che ora rischia di andare clamorosamente fuori mentre la Slovenia passa con merito ai quarti. Il migliore è sicuramente Goran Dragic (28 punti, 5 rimbalzi e 4 assist). Nella Grecia il migliore è Spanoulis (21 punti e 8 rimbalzi).

Risultati e classifica del girone F dopo la seconda giornata:
Croazia – Italia 76-68
Spagna – Finlandia 82-56
Grecia – Slovenia 65-73

Classifica: CROAZIA e SLOVENIA 7, ITALIA e Spagna 6, Grecia e Finlandia 5.

in maiuscolo le qualificate ai quarti di finale

Nella foto: Goran Dragic in azione con la maglia della Slovenia. Credits: fibaeurope.com

EuroBasket 2013: Datome non basta, nuovo ko contro la Croazia

Sconfitta pesante quella degli azzurri questo pomeriggio contro la Croazia. Pesante perché vincendo oggi ci saremmo aggiudicati il passaggio del turno senza dover per forza di cose confidare negli altri. Cosa che a questo punto dobbiamo fare per poter passare ai quarti di finale almeno come quarti del girone. Adesso serve quindi che la Slovenia questa sera batta la Grecia, così come la Spagna la Finlandia. Ciò consentirebbe all'Italia il passaggio del turno ai quarti di finale senza dover sperare nel miracolo lunedì pomeriggio contro la Spagna (ore 17.45).
Italia che ha fatto la partita nei primi due quarti, giocando alla grande per i primi 20 minuti. Nel terzo quarto il parziale croato di 26-9 è stato decisivo ai fini del risultato. Nell'ultimo quarto gli azzurri ci provano, ma la Croazia tiene e porta a casa un match importantissimo che le consente di qualificarsi matematicamente ai quarti di finale.
Nell'Italia il migliore è stato capitan Gigi Datome con 24 punti, 7 rimbalzi e 2 stoppate. Bene anche Cinciarini, così e così Aradori. Male Belinelli (9 punti e 4 palle perse), Gentile (0 punti) e Melli (2 punti e 1/8 dal campo).
Per i croati sono stati decisivi Ukic (13 punti), Simon (14 punti) e Bogdanovic (18 punti).

La partita. L'Italia parte carica (6-11 al 5') con Repesa costretto al timeout. Italia che però continua a comandare il gioco grazie ad una forte intensità difensiva e ad un ottima circolazione di palla in attacco. Croati che invece faticano a segnare. Primo quarto che finisce 8-17 per l'Italia.
Nel secondo quarto gli azzurri tengono a distanza gli slavi piazzando anche un +13 prima con una tripla di Diener e poi con piazzato di Cusin (11-24). Dopo un canestro di Belinelli, che mantiene i suoi + 13, l'Italia comincia a subire il ritorno della squadra di Repesa. Prima Tomic e poi Bogdanovic firmano un mini parziale di 7-2 che permette alla Croazia di accorciare a -8. A questo punto del match gli azzurri cominciano a faticare in attacco, subendo molto la fisicità dei croati. Bogdanovic e Ukic portano la Croazia a -5. (25-30). Cinciarini interrompe il blackout offensivo dell'Italia e con due liberi riallunga. Draper risponde con una tripla che vale il -4 per i croati. Si va al riposo lungo sul 31-36 per gli azzurri.
Nel terzo quarto il match cambia e la Croazia vince la partita, grazie ad un parziale devastante di 26-9. Croati che escono dagli spogliatoi con la voglia di voler recuperare e vincere la partita. Riescono infatti a impattare subito sul 38-38 in meno di due minuti grazie ancora ad uno strepitoso Bogdanovic. Simon poi firma il primo sorpasso portando i suoi sul 41-40, ma Cinciarini non ci sta e con una bomba riporta avanti l'Italia (41-43). Da lì l'Italia non si riprende più, subendo i croati in difesa e attaccando malissimo spesso con tiri forzati. La Croazia ne approfitta e infila un parziale di 10-0 che stende gli azzurri. Ancora Bogdanovic e Simon letali in attacco. L'Italia è in difficoltà e solo un fallo tecnico fischiato al CT croato Repesa consente all'Italia di sbloccarsi in attacco. Datome fa così 2/2 e accorcia a -6 (51-45 al 27'). Reazione rabbiosa però dei balcanici che con 6 punti consecutivi dell'ex Virtus Roma Ukic si portano a +12 (57-45), punteggio con cui si chiude il terzo periodo.
Nell'ultimo quarto il match non cambia. Dopo essere stati sotto di 15 (64-49 al 33') gli azzurri provano l'ultimo disperato recupero e grazie a Cusin e ad un immenso SuperGigi Datome arrivano a -8 (64-56). Un'ingenuità di Travis Diener consente a Draper di fare 3/3 dalla lunetta e di riallungare. L'Italia non molla e ancora con Cusin (1/2 ai liberi), Aradori e a Datome accorcia a -5 (67-62). I croati sono però spietati e rispondono immediatamente con una tripla del solito Bogdanovic. Ancora Datome e poi Aradori. Italia a -4 (70-66). E' qui che gli azzurri perdono la partita, non sfruttando due occasioni ghiottissime per mettere ancora più paura nel finale alla Croazia. Cusin nella prima occasione sbaglia la schiacciata e nella seconda commette fallo in attacco (anche se molto dubbio). La Croazia invece è fredda e porta in porto un match fondamentale per il suo Europeo, viste che le consente di qualificarsi ai quarti di finale. Noi invece dobbiamo confidare negli altri sperando di giocare un match ininfluente lunedì contro la Spagna.

Tabellini

Croazia – Italia 76-68 (8-17, 23-19, 26-9, 23-19)

Croazia: Tomic 8, Andric ne, Draper 12, Bogdanovic 18, Rudez 2, Ukic 13, Simon 14, Markota 2, Delas M. ne, Zoric 7, Delas A. ne. CT Repesa

Italia: Aradori 12, Gentile, Rosselli, Vitali ne, Poeta ne, Melli 2, Belinelli 9, Diener 5, Cusin 7, Datome 24, Magro ne, Cinciarini 9. CT Pianigiani

Arbitri: Belosevic (Serbia), Ryzhyk (Ucraina), Bissang (Francia)

Statistiche di squadra: tiri dal campo 26/65 Croazia, 24/59 Italia; da 2 17/40 Croazia, 19/41 Italia; da 3 9/25 Croazia, 5/18 Italia; tiri liberi 15/20 Croazia, 15/21 Italia. Rimbalzi: Croazia 45, Italia 34. Assist: 9 Croazia, 9 Italia. Palle perse: 12 Croazia, 12 Italia. Palle recuperate: 3 Croazia, 4 Italia. Falli commessi: 24 Croazia, 21 Italia

Note: fallo tecnico a Repesa al 27', 7340 spettatori

Risultati e classifica del girone F dopo la prima giornata:
Croazia – Italia 76-68
Spagna – Finlandia (ore 17.45)
Grecia – Slovenia (ore 21)

Classifica: Croazia 7, Italia 6, Slovenia* 5, Spagna*, Grecia* e Finlandia* 4.
*una partita in meno

Nella foto: Luigi Datome in azione contro la Russia nel primo match degli Europei di quest'anno. Credits: il messaggero.it

EuroBasket 2013: Avanti la Francia, Belgio eliminato. Vince la Lituania. Perde la Serbia

Nella seconda giornata della seconda fase in campo il girone E.

Uno solo il risultato a sorpresa, quello tra Ucraina e Serbia. Gli ucraini dopo essere stati asfaltati dalla Lettonia mercoledì battono i serbi per 82-75. Una grande prova dei ragazzi di Mike Fratello, visto l'avversario, tra i favoriti per la vittoria finale. Nell'Ucraina decisivi Jeter (20 punti) e Korniyenko (21 punti e 8 rimbalzi). Alla Serbia non bastano Bjelica (22 punti e 10 rimbalzi) e Krstic (17 punti). Risultato che risulta decisivo ai fini del girone visto che comporta l'eliminazione matematica del Belgio che nel pomeriggio era stato asfaltato dalla Lituania per 86-67. Non c'è stata partita tra le due formazioni. Troppo forte la Lituania, troppo modesto il Belgio. Lituani avanti anche di 30 nell'arco del match e a +23 già alla fine del secondo quarto. Grande prova di squadra dei baltici dove spiccano Valanciunas (12 punti e 10 rimbalzi), Motiejunas (13 punti) e Kuzminskas (12 punti). Doppia cifra solo sfiorata invece per l'ex Milano Maciulis, Seibutis e Delininkaitis. Nel Belgio si salva solo Jonathan Tabu (15 punti e 3 assist).

Nel match delle 21 la Francia si qualifica matematicamente ai quarti di finale, battendo nettamente la Lettonia per 102-91. Transalpini che fanno sul serio sin dal primo quarto (31-15 al 10'). Partita comunque portata a casa senza problemi da parte dei francesi. La Lettonia dopo i primi due quarti giocati sotto le proprie possibilità ci prova fino ad arrivare al -9 più volte nella seconda parte di gara, ma niente da fare transalpini troppo forti che vincono e si prendono la qualificazione ai quarti di finale con un turno d'anticipo.
Nella Francia gran prova di Nicolas Batum (19 punti e 10 rimbalzi). Decisivo come sempre anche Tony Parker (23 punti). Bene anche Ajinca (25 punti). Nella Lettonia stavolta male Janicenoks (3 punti e un brutto 1/6 dal campo). Ottima invece la prestazione di Bertans (25 punti).

Risultati e classifica girone E:

Lituania – Belgio 86-67

Ucraina – Serbia 82-75

Francia – Lettonia 102-91

Classifica: Francia*, Lituania e Serbia 7, Ucraina 6, Lettonia 5, Belgio 4.

* già qualificata ai quarti di finale

Prossimo turno domani:

Lettonia – Belgio

Ucraina – Lituania

Serbia - Francia

Nella foto: Nicolas Batum ala della Francia. Credits: express.co.uk

HomeSportBasket Top of Page

Articoli più letti

PILLOLE TRN ON AIR