• Facebook
  • Twitter
  • Plus
tantarobanews
Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 63

Rugby

Tour 2013: British & Irish Lions-Waratahs 47-17

Il tour australiano dei B&I Lions si avvicina sempre di più al momento clou, quello delle attesissime tre sfide alla nazionale australiana, la prima delle quali fra una settimana esatta, sabato 22 giugno a Brisbane. Nel frattempo i Leoni bitannico-irlandesi stanno continuando a collezionare vittorie contro le franchigie provinciali del continente australe. Oggi a Sydney i Lions hanno superato 47-17 i Waratahs, formazione del Nuovo Galles del Sud, al termine di una sfida decisa a cavallo fra i due tempi da due mete dell'estremo gallese Leigh Halfpenny (30 i punti totali per lui quest'oggi), da lui stesso trasformate, che sono valse il break decisivo del 30-10, dopo che i Waratahs erano riusciti a rimanere in partita per tutto il primo tempo.

Martedì 18 i Lions saranno attesi a Canberra da un match interessante contro i Brumbies, squadra che è attualmente capolista del Super 15, la lega professionistica che racchiude i più forti club di Australia, Sudafrica e Nuova Zelanda. Un ottimo banco di prova per gli uomini di Gatland prima di affrontare il già menzionato trio di partite contro l'Australia.

Test Match: Samoa asfalta gli azzurri

Secondo impegno azzurro nel quadrangolare sudafricano Castle Lager Series e seconda pesante sconfitta per gli uomini di Jacques Brunel. Oggi al Mbombela Stadium di Nelspruit le Samoa hanno battuto l'Italia 39-10. Strapotere fisico e superiorità netta nei punti d'incontro, che hanno permesso agli isolani di giocare più volte palloni di qualità e di sviluppare un eccellente ritmo di gioco, sono stati i fattori determinanti del successo samoano contro un'Italia troppo morbida e poco cattiva, che è riuscita a contrastare gli avversari con efficacia solo in mischia chiusa. Non a caso l'unica meta azzurra è stata una meta tecnica concessa dall'arbitro Joubert a seguito di una scorrettezza in mischia dei pacifici a pochi metri dalla propria linea di meta. Magra consolazione però per l'Italia questa unica marcatura, giunta nel finale di partita quando i giochi erano ormai ampiamente fatti. Dall'altra parte Samoa ci ha infilato per ben cinque volte, con azioni talvolta altamente spettacolari e spesso con l'aiuto di una pessima difesa azzurra. Del capitano Paul Williams l'unica meta del primo tempo, chiuso col parziale di 10-3 per Samoa, mentre nella ripresa sono giunte in sequenza cronologica le marcature di Leiua, Leota, Tuifua e Va'aulu.

La speranza è che questa brutta prestazione sia stata anche frutto della stanchezza di molti azzurri, reduci da una lunghissima stagione che sta ormai per concludersi. Prima di chiudere il sipario su questo biennio 2012-13 c'è però ancora da giocare la terza partita della Castle Lager Series, sabato prossimo a Pretoria. Presumibilmente il nostro prossimo avversario sarà la Scozia, impegnata in queste ore nella sfida contro il Sudafrica. Il pronostico è ovviamente tutto per i padroni di casa, e se dovesse essere rispettato, gli scozzesi affronterebbero fra una settimana l'Italia nella finalina di consolazione del torneo, mentre gli Springboks troverebbero le Samoa in una finale interessantissima, spettacolare e dall'esito quanto mai incerto.

British & Irish Lions in scioltezza nella terza tappa del Tour 2013

Si è disputato quest'oggi a Newcastle, nello stato australiano del Nuovo Galles del Sud, il terzo incontro del Tour 2013 dei British & Irish Lions. Doveva essere una formalità o poco più la sfida in programma contro la rappresentativa combinata di Nuovo Galles del Sud e Queensland, ed in effetti così è stato; dieci mete a zero e risultato di 64-0 per i Leoni che hanno così archiviato la pratica più semplice dell'intera spedizione australiana. Per la cronaca, in meta sono andati due volte George North ed una volta a testa Cuthbert, Murray, Hogg, Hibbard, O'Driscoll, Halfpenny, O'Brien e Jonathan Davies. Prossimo impegno per i Lions sabato 15 a Sydney contro i Waratahs.

Test Match 2013: tutti i risultati del week-end

Nella giornata di ieri, sabato 8 giugno, sono state giocate sette partite valevoli per la sessione di giugno dei Test Match 2013 del rugby mondiale. Della vittoria 22-12 dei British & Irish Lions sui Queensland Reds nella seconda tappa del tour australiano dei Leoni abbiamo già parlato, così come della prima giornata della Castle Lager Series, quadrangolare che si sta disputando in Sudafrica, con la sconfitta azzurra 10-44 contro i padroni di casa e il successo di Samoa sulla Scozia per 27-17.

Nei rimanenti quattro incontri, da segnalare su tutti il primo dei tre in programma in questo mese fra gli All Blacks e la Francia. Le due nazionali si sono ritrovate in quell'Eden Park di Auckland che le vide protagoniste della finale della Rugby World Cup 2011. Così come accadde allora, una buona Francia ha creato più di un imbarazzo agli All Blacks ma non è comunque riuscita ad imporsi in casa dei numeri uno del mondo. Risultato finale 23-13 per dei non particolarmente brillanti Tutti Neri. Rivincita il 15 giugno a Christchurch. Oltre alla Nuova Zelanda, sono uscite vittoriose da questo fine settimana di test match anche le nazionali di Inghilterra, Galles e Irlanda, nonostante le pesanti assenze dovute alle convocazioni dei propri giocatori nel tour dei Lions. Il più importante successo è stato quello degli inglesi, andati a vincere in Argentina 32-3 contro i Pumas padroni di casa, in un match sentitissimo a causa della forte rivalità non solo sportiva fra i due paesi, che si ripeterà fra una settimana sempre in Sudamerica. Il Galles ha invece avuto la meglio di misura di un buon Giappone, battuto 22-18. Di stretto margine anche il 15-12 dell'Irlanda a Houston contro gli USA.

 

Azzurri ko col Sudafrica nel test match di Durban

Troppo forti gli Springboks per l'Italia di coach Jacques Brunel. Oggi pomeriggio a Durban, nel primo match del quadrangolare sudafricano che li vedrà impegnati in questo mese di giugno, gli azzurri sono stati sconfitti 44-10 dai padroni di casa. Un successo che il Sudafrica ha messo in cassaforte dominando tutto il primo tempo, chiuso col parziale di 20-0 per effetto delle mete di Strauss ed Engelbrecht e dei dieci punti al piede di Morné Steyn. Bella Italia invece nei primi 25 minuti della ripresa, quando una meta di Sgarbi, assistito con una magia da capitan Parisse, ed un calcio piazzato di Di Bernardo, ci avevano portato a soli dieci punti di distanza da un Sudafrica in quel periodo più volte costretto a difendere i propri 22 dagli attacchi azzurri. La differenza fra le due squadre vista nel primo tempo è però riemersa nel finale di gara. Al 66° una straordinaria cavalcata di Bryan Habana spacca in due la difesa italiana e porta alla meta decisiva del 28-10. A rendere ancora più pesante il passivo sono poi arrivate le mete di De Villiers e di Basson, contornate dalle trasformazioni di Steyn.

Il Sudafrica continua ad essere un tabù per gli azzurri: la sfida di oggi è stata l'undicesima fra le due nazionali e finora è bottino pieno per i Boks, vittoriosi in tutte le occasioni. Sabato 15 l'Italia, nel suo secondo test match in terra sudafricana, affronterà le Samoa, avversario di sicuro meno proibitivo di quello odierno, ma sempre di tutto rispetto, e che oggi ha rifilato un netto 27-17 alla Scozia nell'altra partita in programma nella prima giornata del quadrangolare.

Tour 2013: faticano ma vincono ancora i British & Irish Lions

Si è disputato quest'oggi al Suncorp Stadium di Brisbane il secondo incontro del tour australiano dei British & Irish Lions. I Leoni britannico-irlandesi hanno superato col punteggio di 22-12 i Queensland Reds padroni di casa. Ma questa volta imporsi non è stato per nulla semplice per gli uomini di Warren Gatland, a differenza di quanto era invece accaduto tre giorni fa contro Western Force. I Reds, guidati dal sempre talentuoso ed imprevedibile Quade Cooper, hanno dato battaglia e sono riusciti a mettere in difficoltà più volte i Lions, in specie grazie alle giocate dei propri tre-quarti . Infatti, dopo esser passati in vantaggio con una puinizione di Farrell in apertura di match, i B&I hanno poi dovuto subire il ritorno della franchigia di Brisbane, passata in vantaggio 7-3 al 17° grazie ad una meta di Morahan trasformata da Cooper. Tuttavia la reazione dei rossi del Vecchio Continente nei confronti di quelli australiani non si è fatta attendere; una meta di Ben Youngs trasformata da Farrell e due punizioni realizzate sempre dall'apertura inglese hanno permesso ai Lions di chiudere il primo tempo in vantaggio 7-16. Un vantaggio che i British & Irish Lions sono riusciti ad amministrare nel secondo tempo, in cui il tentativo di rimonta di Queensland è stato vanificato anche da qualche errore al piede di troppo da parte dei suoi. Errori che invece non ha commesso il solito infallibile Farrell, due volte a segno dalla piazzolla anche nella ripresa. Due segnature che hanno messo al sicuro la vittoria dei Lions, nonostate la seconda meta della partita per i padroni di casa realizzata al 62° dal mediano di mischia Frisby.

Da segnalare per i Lions la cattiva notizia dell'abbandono forzato della spedizione australiana da parte dell'irlandese Tommy Bowe, che nella partita di oggi è rimasto vittima di una frattura alla mano destra. E' il terzo forfait di questo Tour 2013 per i British & Irish Lions dopo quelli di Gethin Jenkins e Cian Healy. Prossimo impegno per i rossi martedì 11 giugno a Newcastle contro Nuovo Galles del Sud-Queensland Country.

 

 

 

Pagina 6 di 8
HomeSportRugby Top of Page

Articoli più letti

PILLOLE TRN ON AIR