• Facebook
  • Twitter
  • Plus
tantarobanews
Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 63

Rugby

Tour 2013: British & Irish Lions a valanga su Western Force

Ancora una ottima prestazione ed un altra netta vittoria per i British & Irish Lions. Dopo aver dominato i Barbarians ad Hong Kong sabato scorso, i "rossi" sono sbarcati in Australia per cominciare il vero e proprio Tour 2013. E quest'oggi a Perth hanno confermato le ottime cose fatte vedere quattro giorni fa, rifilando un pesante 69-17 ai malcapitati padroni di casa di Western Force, franchigia dello Stato dell'Australia Occidentale. Se contro i Barbarians erano stati soprattutto i gallesi del gruppo a recitare la parte dei protagonisti, c'è invece molta Irlanda nel successo di oggi; da segnalare infatti ci sono sia la gran prova di Brian O'Driscoll, due mete per lui, una per tempo, sia le segnature di altri tre irlandesi: Jonathan Sexton, Jamie Heaslip e Tommy Bowe. A completare l'ampio bottino dei Lions le mete di Croft, Vunipola, Farrell e Parling ed i 24 punti ottenuti grazie ai calci dell'estremo galllese dei Cardiff Blues Leigh Halfpenny, che ha dato spettacolo dalla piazzola.

Riassumendo, nove le mete dei British & Irish Lions a fronte delle sole tre di Western Force, parziale di 27 a 3 alla fine del primo tempo e secondo tempo ancora più travolgente per i britannico-irlandesi. Il prossimo impegno di questo Tour 2013 è previsto per sabato a Brisbane, dove i Lions affronteranno i Queensland Reds. Ma ovviamente l'attesa è già tutta per i tre incontri con l'Australia del 22 e 29 giugno e 6 luglio. Certo, gli incontri con la nazionale australiana saranno probabilmente tutt'altra cosa per i B&I Lions rispetto a questi primi impegni, ma se gli uomini di Warren Gatland manterranno questo stato di grazia, gli Wallabies possono già ritenersi più che avvertiti.

L'Unione Rugby Capitolina torna in Eccellenza

Saranno ben tre le squadre romane a prendere il via nel campionato italiano di rugby d'Eccellenza 2013-2014. Alle Fiamme Oro ed alla Lazio si è aggiunta oggi l'Unione Capitolina, che ha vinto sul campo neutro di Calvisano la finale play-off di serie A contro gli "Squali" della Pro Recco, col punteggio di 29-16. La Capitolina torna nella massima serie dopo una assenza durata 4 anni e prende il posto lasciato libero dall'Aquila, retrocesso in Serie A dopo lo spareggio perso il 12 maggio scorso contro i Crociati Parma.

Top 14: Tolone cede in finale. Castres Campione di Francia

Tolone non concede il bis. I rossoneri capitanati da Jonny Wilkinson, freschi vincitori di Heineken Cup, non sono riusciti a ripetersi ed hanno perso, da favoriti, la finale del campionato francese Top 14 disputata ieri allo Stade de France di Saint-Denis. A vincere il titolo di Campione di Francia ed a sollevare al cielo il "Bouclier de Brennus" è stato il Castres Olympique, che dopo aver chiuso al quarto posto in classfica la stagione regolare, ha poi saputo aver ragione nei play-off delle due corazzate di Clermont e Tolone, rispettivamente in semifinale e poi, appunto, nella finale di ieri. A Saint-Denis Castres si è imposto col punteggio di 19-14, in particolar modo grazie ai due mediani, il numero 9 sudafricano Rory Kockott e l'apertura Rémi Tàles, autori di tutti i punti dei biancoblu pirenaici. Da parte tolonese "solo" nove i punti per Jonny Wilkinson, che questa volta non è riuscito a ritagliarsi un ruolo decisivo nel match. A completare il tabellino l'inutile meta allo scadere di Armitage.

Per Castres si tratta del quarto titolo nazionale, dopo quelli del 1949, 1950 e 1993. Tolone incassa invece la seconda sconfitta consecutiva in una finale e resta fermo a tre successi, l'ultimo dei quali risalente al 1992. 

Esordio vittorioso nel Tour 2013 per i British & Irish Lions

Inizia nel migliore dei modi il Tour 2013 dei British & irish Lions, la prestigiosa ed ambitissima selezione che da più di un secolo mette assieme i migliori giocatori delle quattro Home Unions di Inghilterra, Scozia, Galles ed irlanda. Nel pomeriggio di ieri all'Hong Kong Stadium i Lions selezionati e guidati dal CT del Galles Warren Gatland si sono infatti imposti con un netto 59-8 nei confronti dei Barbarians (o Baa Baas per gli intenditori), leggendario club ad inviti aperto a giocatori di qualsiasi nazionalità, nelle cui file ieri figuravano anche gli azzurri Parisse, Castrogiovanni, Ghiraldini e Lo Cicero.

Le maggiori motivazioni dei Lions, dettate dalla voglia di ben figurare in questo prologo del Tour 2013, hanno probabilmente fatto la differenza nel match disputato davanti all'entusiasta pubblico di Hong Kong. Ben otto le mete realizzate dai B&I Lions, sette delle quali di marca gallese, con le "doppiette" di Cuthbert e Phillips ed una marcatura a testa per Lydiate, Davies ed Alun Wyn Jones, a cui va aggiunta la meta del capitano di giornata, l'irlandese Paul O'Connell, destinatario della fascia dopo il forfait del titolare della stessa, Sam Warburton. Da una meta del samoano Kahn Fotuali'i e dal piede di Elliot Daly sono arrivati invece gli unici otto punti dei Barbarians.

Archiviato questo successo, i British & Irish Lions si apprestano ad entrare ora nel vero e proprio Tour 2013, che li vedrà impegnati dal 5 giugno al 6 luglio prossimi in nove incontri in terra d'Australia. I riflettori sono ovviamente puntati sulle tre sfide che li vedranno opposti alla nazionale australiana, in programma il 22 giugno a Brisbane, il 29 a Melbourne ed il 6 luglio a Sydney. Nei restanti cinque appuntamenti i Lions affronteranno invece alcune formazioni provinciali australiane.

 

Qui di seguito trovate tutti i nomi dei British & Irish Lions selezionati da Warren Gatland per partecipare al Tour australiano (fra parentesi nazionalità e club di provenienza):

Mischia: Dan Cole (Inghilterra, Leicester Tigers), Cian Healy (Irlanda, Leinster), Gethin Jenkins (Galles, Toulon), Adam Jones (Galles, Ospreys), Matt Stevens (Inghilterra, Saracens), Mako Vunipola (Inghilterra, Saracens), Rory Best (Irlanda, Ulster), Richard Hibbard (Galles, Ospreys), Tom Youngs (Inghilterra, Leicester Tigers), Ian Evans (Galles, Ospreys), Richie Gray (Scozia, Sale Sharks), Alun Wyn Jones (Galles, Ospreys), Paul O'Connell (Irlanda, Munster), Geoff Parling (Inghilterra, Leicester Tigers), Tom Croft (Inghilterra, Leicester Tigers), Toby Faletau (Galles, Newport Gwent Dragons), Jamie Heaslip (Irlanda, Leinster), Dan Lydiate (Galles, Newport Gwent Dragons), Sean O'Brien (Irlanda, Leinster), Justin Tipuric (Galles, Ospreys), Sam Warburton (Galles, Cardiff Blues).

Mediani: Owen Farrell (Inghilterra, Saracens), Jonathan Sexton (Irlanda, Leinster), Conor Murray (Irlanda, Munster), Mike Phillips (Galles, Bayonne), Ben Youngs (Inghilterra, Leicester Tigers).

Tre-quarti: Leigh Halfpenny (Galles, Cardiff Blues), Stuart Hogg (Scozia, Glasgow Warriors), Rob Kearney (Irlanda, Leinster), Tommy Bowe (Irlanda, Ulster), Alex Cuthbert (Galles, Cardiff Blues), Sean Maitland (Scozia, Glasgow Warriors), George North (Galles, Scarlets), Jonathan Davies (Galles, Scarlets), Brian O'Driscoll (Irlanda, Leinster), Jamie Roberts (Galles, Cardiff Blues), Manusamoa Tuilagi (Inghilterra, Leicester Tigers).

Premiership: Leicester Tigers campioni d'Inghilterra

Nella finale giocata ieri nel "Tempio" londinese di Twickenham, i Leicester Tigers hanno battuto nettamente per 37 a 17 i Northampton Saints, aggiudicandosi la decima Premiership della loro storia. Una bella soddisfazione anche per Martin Castrogiovanni; l'azzurro, in forza ai Tigers dal 2006, è giunto al quarto titolo di campione d'Inghilterra. Da segnalare nel finale di primo tempo l'espulsione del tallonatore dei Saints Dylan Hartley, reo a quanto pare di aver rivolto pesanti insulti nei confronti dell'arbitro. Un gesto che è costato caro non solo a Northampton, ma anche al giocatore stesso, che si è visto revocare la convocazione per l'imminente tour australiano dei British & Irish Lions.

Celtic League: trionfo Leinster nella finale di Dublino

Il Leinster ha vinto l'edizione 2012-2013 della Celtic League-RaboDirectPro12. I "Dubliners" hanno sconfitto ieri sera i "cugini" di Ulster 24-18 nella finale disputatasi alla Royal Dublin Society Arena. Due sole le mete realizzate nella partita, entrambe dai neo-campioni celtici con Jennings in apertura di match e con Jamie Heaslip nel secondo tempo. I restanti 14 punti di Leinster sono arrivati grazie ai piazzati di Jonathan Sexton, all'ultima partita in maglia blu prima di trasferirsi a Parigi per vestire la maglia del Racing Métro, mentre per Ulster tutti e diciotto i punti a referto sono arrivati dalle punizioni di Ruan Pienaar.

Leinster torna così a vincere la Celtic League dopo cinque anni di attesa e ben tre finali perse di fila. Un trionfo che fa il paio con quello di una settimana fa nella finale di Amlin Challenge Cup contro lo Stade Français. Ulster invece termina a mani vuote la stagione, dopo aver dominato a lungo la regular-season, che la franchigia di Belfast aveva chiuso al primo posto in classifica.

 

 

 

 

 

 

 

Pagina 7 di 8
HomeSportRugby Top of Page

Articoli più letti

PILLOLE TRN ON AIR